PUBBLICO IMPIEGO – DECALOGO UIL  - Antonio FOCCILLO
Foccillo e i Segretari generali delle categorie del Pubblico Impiego della UIL lanciano il contro - decalogo
Basta vessazioni contro i dipendenti pubblici, si rispettino e si valorizzino le professionalità
pubblicamministrazione1_large.jpg
08/02/2017  | Pubblico_Impiego.  

 

 

 

Il Governo, nato in continuità con il precedente, deve dare attuazione all’accordo del 30.11 per concretizzare: a) la revisione del rapporto tra legge e contratto a favore di quest’ultimo; b) la definizione di nuove relazioni sindacali; c) il rinnovo dei contratti di lavoro; d) la semplificazione del sistema dei fondi di contrattazione di secondo livello; e) la previsione di nuovi e differenti sistemi di valutazione della produttività; f) la riduzione delle forme di precariato.

 


Assistiamo, invece, ad un incessante attacco nei confronti dei dipendenti pubblici, che si manifesta ora anche con un decalogo da inserire nel Testo Unico per punirli e licenziarli.

 

Ancora una volta ribadiamo che le regole esistono già e che vanno solo attuate, mentre sempre di più mancano controlli e assunzioni di responsabilità da parte di chi, invece, dovrebbe prendere provvedimenti necessari.

 


Ormai la misura è colma: si continua con i soliti luoghi comuni per delegittimare il personale e - diciamo noi - anche le istituzioni di questo Paese, in cui lavorano tanti dipendenti pubblici per offrire servizi essenziali alla nostra comunità, pagando, in alcuni casi, finanche di persona, addirittura con la vita come nel caso degli ultimi avvenimenti legati alle vicende emergenziali di questi giorni.

 


Ora basta! Si rispettino la professionalità e la dignità di questi lavoratori! E lo diciamo anche facendo appello ai massimi rappresentanti delle Istituzioni, al Presidente della Repubblica e al Presidente del Consiglio, responsabili dell’unità dello Stato.

 


Non si può più assistere alla demolizione di un Paese che, per superare la crisi, avrebbe bisogno di ben altre azioni politiche positive e di rilancio facendo leva, per l’appunto, su tante energie inespresse, a partire proprio dal personale della P.A.

 

 

A questo continuo e ripetuto attacco rispondiamo, dunque, proponendo un altro decalogo, basato sulla volontà di costruire e su un progetto politico di autentico riformismo; un decalogo da rispettare nella definizione del Testo Unico e nella direttiva da inviare all’Aran, per un vero rilancio della P.A:

 

1)      l’immediato invio dell’atto di indirizzo all’Aran con la conseguente apertura dei tavoli di rinnovo dei   contratti fin da subito;

 

2)      il riequilibrio del rapporto tra legge e contratto a favore di quest’ultimo;

 

3)      lo sblocco della contrattazione di secondo livello, ingessata ormai da anni, per un utilizzo pieno delle risorse;

 

4)      il riordino istituzionale (province, città metropolitane, camere di commercio) per evitare che si riducano i servizi per i cittadini, dando loro la piena funzionalità;

 

5)      la riduzione dei centri di costo prevedendo un solo centro d’acquisto a livello regionale;

 

6)      l’eliminazione delle consulenze e la valorizzazione delle professionalità esistenti;

 

7)      la previsione dell’incentivazione dei vari processi di mobilità;

 

8)      la riduzione di tutte le forme di precarietà nella pubblica amministrazione con la corrispondente stabilizzazione di quel personale;

 

9)      il sostegno alla scuola statale e il blocco del finanziamento alle scuole private;

 

10)  il riconoscimento dello status del personale definito e garantito dalla Costituzione, in termini di libertà di insegnamento/apprendimento per consentire una vera autonomia scolastica.

 

 

Basta puntare il dito contro i dipendenti pubblici! Non è più accettabile vessare mediaticamente i lavoratori del pubblico impiego che, come li ha definiti l’accordo dello scorso 30 novembre, sono “il motore della macchina amministrativa”. Si tratta di una classe lavoratrice che da ben oltre sette anni non vede più riconosciuta la propria professionalità prestata quotidianamente, spesso anche in condizioni disagiate figlie delle politiche di spending review, al servizio dell’utenza e quindi di noi tutti.

 

Rivendichiamo i contenuti dell’accordo. Non si può più aspettare: dalle parole si passi ai fatti!

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!