SALUTE MENTALE  - Silvana ROSETO
Roseto: dare luce alla sofferenza psichica, ancora oggi troppo poco considerata
salute_mentale.jpg
10/10/2018  | Salute.  

 

 

Spesso siamo soliti collegare la malattia mentale a quelle persone che in passato venivano confinate nei manicomi: nulla di più errato, la malattia mentale è ancora oggi diffusa, sebbene messa molto spesso in penombra.

 

Oggi i manicomi  non ci sono più, grazie alla legge Basaglia (legge n°180/1978) che proprio quest’anno festeggia il suo 40° anniversario, ma il fatto che i manicomi siamo stati chiusi non significa che le malattie mentali siano scomparse. Il Rapporto sulla salute mentale del Ministero della salute del 2016 stima che in Italia circa 1 milione di persone sono utenti psichiatrici assistiti da specialisti, ma se ampliamo lo sguardo i disturbi mentali coinvolgono a vari livelli e a varie intensità circa 1/3 della popolazione. Secondo l’Istat gli individui a rischio di disturbi ansiosi e depressivi sono almeno 4 milioni e mezzo.

 

Altro fenomeno da non sottovalutare, è la triste correlazione che si è venuta a concretizzare in questi ultimi anni:  l’aumento dei disturbi psichici come conseguenza delle problematiche legate alla povertà, infatti secondo l’Istat dal 2005 al 2013 l’incidenza dei problemi di salute mentale è aumentata del 2,3%.

 

A fronte di questi numeri in constante aumento, la spesa sanitaria dedicata nel nostro Paese è sotto il  5% contro il 13% della Gran Bretagna e il 10% della Francia.

 

Occorre aumentare le risorse, per integrare la rete dei servizi e delle strutture, investire nelle assunzioni e nella formazione del  personale  cercando, ove possibile, di ridurre la pratica troppo spesso diffusa di somministrazione di psicofarmaci.

 

Da tutto ciò emerge l’importanza della giornata di oggi: dare luce su una sofferenza che il più delle volte resta sommersa, ma che riguarderà sempre più persone giovani, adulti, anziani, e richiederà maggiori sforzi non solo finanziari ma anche organizzativi e professionali.

 

 

Roma, 10 Ottobre 2018

 

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!