SINDACATO  - Carmelo Barbagallo
Barbagallo: «Per l'unità servono regole. Categorie e territori, costringeteci a essere unitari»
Il leader della UIL parla dal palco di Matera
top070519.jpg
07/05/2019  | Sindacato.  

 

 

«Costringeteci ad essere unitari». Così il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo, ha concluso il suo intervento dal palco di Matera, rivolgendosi agli oltre 700 attivisti di Cgil, Cisl, Uil, convenuti nella città lucana per discutere di Europa, Mezzogiorno, lavoro e cultura.

 

«Per realizzare l´unità sindacale - ha sottolineato Barbagallo - non dobbiamo più parlarne, ma dobbiamo agire, iniziando a darci delle regole. Alle categorie, ai territori, a voi tutti chiediamo di darci una mano per accelerare questo percorso che, altrimenti, rischia di non essere mai compiuto”. Il leader della Uil, poi, ha rimarcato la necessità di avviare, nel nostro Paese una “grande vertenza fiscale: anche l’Europa - ha detto - deve fare la sua parte per un fisco più chiaro e per evitare, in tutta l’Unione, evasioni mastodontiche come quelle verificatesi per l’Iva. In Italia - ha proseguito Barbagallo - i lavoratori e i pensionati pagano tasse più alte della media europea e contribuiscono al gettito fiscale per l’85%: questo non è più accettabile. Inoltre, bisogna creare lavoro attraverso investimenti pubblici e privati in infrastrutture materiali e immateriali, indispensabili proprio per il rilancio del Mezzogiorno e, quindi, del Paese. In questo quadro, serve un’Europa più virtuosa che possa esserci d’aiuto ma, al contempo, è indispensabile che le nostre Regioni spendano tutte le risorse europee, altrimenti bisognerà commissariarle ad acta. D’altro canto - ha concluso Barbagallo - si devono creare le condizioni per rendere raggiungibili e fruibili, dal punto di vista turistico, queste belle città del Sud, questi luoghi della cultura: creare filiere, realizzare infrastrutture devono diventare le nostre priorità».

 

 

Matera, 7 maggio 2019

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!