AMIANTO  - Silvana ROSETO
Cgil, Cisl, Uil chiedono incontro a Di Maio
Urgente atto ministeriale per erogazione prestazioni economiche del Fondo vittime amianto
amianto-generico-big567.jpg
13/07/2018  | Salute.  

 

 

CGIL, CISL, UIL

COMUNICATO STAMPA

 

«È urgente l’atto ministeriale per l’erogazione delle prestazioni economiche del Fondo per le Vittime dell’Amianto (FVA) a favore delle circa 20.000 persone interessate, per un terzo lavoratori ed ex lavoratori malati a causa dell’esposizione all’amianto e per due terzi eredi di lavoratori morti a causa dell’amianto. Queste persone aspettano di ricevere il saldo delle competenze del 2016 e del 2017 e la quota di spettanza per il 2018». È quanto si legge in una nota che dà notizia della missiva inviata al Ministro del Lavoro e delle Politiche sociali Luigi Di Maio dai segretari confederali di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Angelo Colombini e Silvana Roseto.

 

"Cgil, Cisl e Uil - si legge - hanno inoltre rinnovato la richiesta di incontro al Ministro, già avanzata il 21 giugno e inevasa, per individuare una diversa regolamentazione del Fondo, poiché - spiegano -  nonostante la disponibilità di cassa, a causa di un regolamento farraginoso le vittime dell’amianto non hanno alcuna certezza sui tempi di erogazione delle prestazioni economiche che sono aggiuntive alle indennità dell’Inail".

 

"I ritardi - sottolineano Landini, Colombini e Roseto - riguardano anche i malati di mesotelioma non professionali, cioè i semplici cittadini che si sono ammalati di mesotelioma per esposizione ambientale e familiare. Gli eredi dei deceduti del 2017 - aggiungono in conclusione - non possono ritirare l’una tantum di 5.600 euro per le incertezze interpretative del Ministero del Lavoro".

 

 

Roma, 13 luglio 2018

 

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!