Carmelo Barbagallo: comunicato Stampa del 13/03/2017
Barbagallo: Questa Europa non ha risolto il problema delle disuguaglianze
Barbagallo: Questa Europa non ha risolto il problema delle disuguaglianze
13/03/2017  | Internazionale.  

 

Le parti sociali europee hanno dato inizio, oggi, alle iniziative di celebrazione dei 60 anni dei Trattati di Roma. Il CESE, il Comitato economico e sociale europeo, ha organizzato presso l'Auletta dei Gruppi Parlamentari di Montecitorio una Conferenza sul tema "Sessant'anni di comunità europea, forgiamo il futuro". Nel corso dell'incontro sono emerse le contraddizioni e le difficoltà che stanno impedendo l'attuazione dell'originario processo di integrazione.

 

"Questa Europa - ha sottolineato il Segretario generale della Uil, Carmelo Barbagallo - non ha risolto il problema delle disuguaglianze: i ricchi sono diventati più ricchi e sono anche diminuiti di numero, mentre i poveri sono aumentati e di moltissimo. Non è ciò a cui avevano pensato i nostri Padri fondatori; anzi, è esattamente il contrario di quanto era stato previsto 60 anni fa, quando era stata ideata un'Europa sociale per la crescita e il benessere dei popoli. Il malessere che, oggi, attraversa tutti i paesi della nostra vecchia Europa è la conseguenza di questa condizione negata.

 

Né avrebbe senso un'Europa a due velocità - ha proseguito il leader della Uil - perché la parte più lenta rappresenta la maggioranza e questa differenziazione non farebbe altro che accentuare le divergenze. Bisogna, invece, cambiare la politica economica dell’Europa che si è impoverita a causa dell'austeritàed è necessario che lavoratori e pensionati recuperino il loro potere d'acquisto. I movimenti sindacali europei devono reagire con determinazione per chiedere una concreta inversione di rotta". A questo proposito, Barbagallo ha commentato anche i dati diffusi dalla Ces, la Confederazione europea dei Sindacati, in merito all'andamento dei salari europei che, nel corso degli ultimi sette anni, sono diminuiti un po' ovunque, anche nel nostro Paese. "Per troppi anni siamo rimasti al palo: una buona parte dei contratti è stata rinnovata da poco solo grazie alla nostra determinazione. Bisogna puntare, dunque, sul rinnovo di quei contratti  che sono ancora sospesi e sulla produttività. Inoltre - ha concluso Barbagallo - è arrivato il momento di agire sulla leva fiscale con soluzioni incisive e strutturali: fino a quando i lavoratori pagheranno tasse troppo alte, i salari non cresceranno e l'economia non ripartirà".

 
<p>1)Voucher: Uil, non reintrodurli, ma pensare a nuovo strumento </p>
<p>2)Cassa integrazione: 141 mila lavoratori salvaguardati da cig. Loy, monitorare effetti riforme</p>
<p>3)Riscossione:sciopero lavoratori rinnovo CCNL adeguamento fondo di previdenza
26/05/2017: Edizione WEB.G Giornale

1)Voucher: Uil, non reintrodurli, ma pensare a nuovo strumento

2)Cassa integrazione: 141 mila lavoratori salvaguardati da cig. Loy, monitorare effetti riforme

3)Riscossione:sciopero lavoratori rinnovo CCNL adeguamento fondo di previdenza

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!