SUD  - Ivana VERONESE
Il Mezzogiorno nella piattaforma unitaria
sud2_large.jpg
30/07/2019  | Federalismo.  
 
 
 
Il rilancio del Mezzogiorno richiede con urgenza, una politica economica non più soltanto orientata al superamento della crisi, ma espansiva e capace di far ripartire la produzione ed i servizi nonché di generare quel processo di redistribuzione della ricchezza che è mancato in questi anni.
 
Cgil, Cisl e Uil ribadiscono che il rilancio del Mezzogiorno non deve essere demandato solo ai fondi comunitari e al fondo sviluppo e coesione, risorse tra l’altro quasi integralmente già assegnate e programmate.
 
Cgil, Cisl e Uil chiedono il rispetto della clausola per la ripartizione territoriale dell’80% del fondo sviluppo e coesione al Mezzogiorno e la possibilità di far assumere, anticipatamente, impegni di spesa giuridicamente vincolanti alle Amministrazioni Pubbliche.
 
Negli anni, vi è stato un sostanziale e graduale abbassamento dei trasferimenti nel Mezzogiorno, sia per la spesa corrente che in conto capitale.
 
 
 
 
1) Barbagallo: taglio cuneo fiscale frutto della mobilitazione del sindacato e del confronto con il Governo. Proietti: web tax europea per fisco equo<br>2) Firmato accordo di partenariato tra Uil e Confederazione sindacati autonomi del Senegal<br>3) Uiltec sostiene campagna “Together at work” di IndustriAll Europe
24/01/2020: NEWS UIL. Le notizie della UIL

1) Barbagallo: taglio cuneo fiscale frutto della mobilitazione del sindacato e del confronto con il Governo. Proietti: web tax europea per fisco equo
2) Firmato accordo di partenariato tra Uil e Confederazione sindacati autonomi del Senegal
3) Uiltec sostiene campagna “Together at work” di IndustriAll Europe

Valid XHTML 1.0 Transitional Valid CSS!